Maria Immacolata piena di grazia

Pensare all’8 dicembre – Festa di Maria Immacolata – per me e per tutta la Famiglia salesiana significa evocare l’inizio di un evento che ha connotato in modo fondamentale la vita di Don Bosco e gli ha dato la visione chiara del suo specifico “carisma” nella Chiesa: dedicare totalmente la propria vita ai GIOVANI.
Nella festa dell’Immacolata del 1841, infatti, don Bosco incontra un giovane, Bartolomeo Garelli, capitato per caso nella sacrestia in cui si trovava dopo la celebrazione eucaristica.
Il ragazzo, scambiato per un ladruncolo dal sacrestano troppo zelante, viene chiamato da Don Bosco “mio amico”.
Con una semplice Ave Maria, inizia la prima catechesi che apre gli orizzonti verso migliaia di altri incontri con giovani di tutti i ceti sociali, con la preferenza per i più poveri.
Come suora salesiana, mi piace pensare che Maria ha accompagnato fin dal suo sorgere il carisma salesiano ed è ancora Presenza insostituibile ed essenziale: “Maria per noi ha fatto tutto” affermava il nostro Fondatore.

Noi avvertiamo tale Presenza e in lei contempliamo:

  • la Donna che Dio ha pensato da sempre come inizio della nuova umanità (piena di grazia)
  • la Donna in ascolto dello Spirito, aperta totalmente al Suo progetto (eccomi!)
  • la Madre che con il suo SÌ ha collaborato in pieno al mistero dell’incarnazione (concepirai un figlio).

In lei vediamo la Madre e la Maestra che ispira ancora uno stile di vita e ci aiuta a trovare strade per divenire noi stesse segno ed espressione dell’amore di Dio per i giovani.
La contemplazione di Maria ci coinvolge e ci impegna ad attuare nel quotidiano del terzo Millennio l’INEDITO della sua esistenza.
Molte sue parole e molti eventi della sua vita non sono stati scritti perché potessero essere attualizzati lungo il corso del tempo. La vita di Maria, infatti, non è qualcosa di statico, realizzato una volta  per tutte, ma una realtà che fluisce e si inserisce nell’esistenza di chi cerca di seguire il suo stile di vita.

Sr. Giuseppina Teruggi

Tag: , , ,

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento