Nuovo sindaco di Galliate: la Parrocchia non si schiera

NUOVO SINDACO DI GALLIATE: LA PARROCCHIA NON SI SCHIERA

Una delle caratteristiche fondamentali della democrazia è la ricerca del consenso. Tale aspetto diventa primario in occasione di ogni campagna elettorale. Naturalmente non fa eccezione la campagna elettorale per il nuovo sindaco di Galliate.

E’ però fuori luogo la parte del programma del candidato Claudiano Di Caprio, resa pubblica sui social network martedì 23 aprile, riguardante il “contribuire al progetto di riqualificazione dell’Oratorio donando parte delle entrate in base alla legge 10/77 chiedendo in cambio dei progetti contro la dispersione scolastica e il bullismo”.

Non che sia una cosa cattiva, tutt’altro, ma ci sono almeno due elementi che stridono. Il primo è che un’azione politica a favore dell’oratorio potrebbe far supporre un appoggio della Parrocchia per un singolo candidato sindaco mentre, senza alcun dubbio, la parrocchia non appoggia nessun candidato ma esprime al massimo i migliori auguri a tutti e quattro. Il secondo è che questo punto del programma prevede un impegno reciproco tra Comune di Galliate e Parrocchia, che non è stato per nulla concordato e che quindi non può essere pubblicizzato come tale.

Entrambe le questioni proposte, cioè i nuovi campi all’oratorio e la lotta al bullismo ed alla dispersione scolastica, sono obiettivi ampiamente condivisibili e, dopo le elezioni, sarà molto importante poterne discutere secondo le rispettive competenze.

Il parroco don Ernesto Bozzini
Il vicario parrocchiale don Alessandro Maffioli
A nome del consiglio pastorale il vicepresidente William Percio

 

Galliate, 23/04/2019

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento